Domani, a Bomba, l’incontro pubblico per ricordare Bertrando Spaventa a 200 anni dalla nascita Domani, domenica 13 agosto, a Bomba, si svolgerà l’incontro pubblico dal titolo: ‘Caro Silvio. Lettere di Bertrando Spaventa al fratello Silvio’. L’evento si inserisce nell’ambito delle iniziative organizzate per il bicentenario della nascita del grande filosofo e politico abruzzese. Durante l’evento saranno lette alcune lettere che Bertrando scrisse al fratello Silvio, poi ci sarà l’esecuzione di alcuni canti popolari da parte di Libera Candida.

Bomba0881-600x399

Il ricordo che nasce dal ricordo, dalla ferma volontà di rendere eterna l’immagine di chi, nel corso della sua esistenza, ha lasciato un’impronta da custodire preziosamente. Si svolgerà domenica 13 agosto a Bomba, alle ore 18 in piazza Giacomo Matteotti  un incontro pubblico  dal titolo ‘Caro Silvio. Lettere di Bertrando Spaventa al fratello Silvio’.

L’evento, organizzato dalla Fondazione intitola ai due fratelli a cui Bomba ha dato i natali, si inserisce nell’ambito delle iniziative organizzate per il bicentenario della nascita del grande filosofo e politico abruzzese.

Dopo l’introduzione del presidente, Raffaele Bonanni ed i saluti del Sindaco, Donato Di Santo, Rocco D’Alfonso, dell’Ufficio della Presidenza della Regione, ricostruirà la biografia intellettuale di Bertrando Spaventa nonché l’impegno civile e il magistero politico di questo grande abruzzese che può essere annoverato tra i padri dell’Italia Unita.

Attraverso la lettura, affidata al doppiatore Elia Iezzi, di alcune lettere di Bertrando al fratello Silvio, tratte dal loro ampio epistolario, il musicista e cultore delle tradizioni popolari Germano D’Aurelio (in arte N’Duccio) converserà sull’estraneità del popolo e dei contadini abruzzesi dai moti risorgimentali.

La serata si concluderà con l’esecuzione di alcuni canti popolari intrepretati da Libera Candida.