Scurcola Marsicana, parla Mammarella: «Dimissioni per forte senso di responsabilità» «Fino ad oggi non ho commentato quanto accaduto relativamente alle mie dimissioni, ma alla luce delle dichiarazioni espresse dal primo cittadino di Scurcola Marsicana, credo sia doveroso fare delle precisazioni». Esordisce così Fabio Mammarella, ormai ex vice sindaco del Comune marsicano di Scurcola. «Le mie dimissioni hanno avuto alla base un forte senso di responsabilità, al contrario di quanto ha espresso il primo cittadino nei miei confronti».

comune-scurcola.jpg

«Non ho voluto fare, sino ad oggi, nessun commento su quanto accaduto riguardo le mie dimissioni, ma alla luce delle dichiarazioni rese oggi del primo cittadino di Scurcola Marsicana, credo sia da parte mia doveroso fare alcune precisazioni al fine di evitare inutili fraintendimenti e polemiche». È la comunicazione diffusa a mezzo stampa dall’ex vice sindaco di Scurcola Marsicana, Fabio Mammarella, che risponde alle notizie apparse in questi ultimi giorni riguardo alla sua decisione di dimettersi.

 

«La decisione delle mie dimissioni ha avuto un forte senso di responsabilità, al contrario di quanto ha espresso il primo cittadino nei miei confronti, per il semplice fatto che quando ci si trova di fronte a delle evidenti incomprensioni interne ad un’amministrazione: 1-si può decidere di affrontarle con fermezza destabilizzando ancora di più un precario e confuso equilibrio amministrativo; 2- si può decidere di fare un passo indietro e lasciare il posto alla speranza che altri componenti della maggioranza possano fare meglio di te. Io ho optato per la seconda scelta, e questo risulta essere per il sottoscritto, senso di responsabilità».

 

«Non mi rispecchiavo nel confuso modus operandi di questa leadership amministrativa, ma trovavo solo porte chiuse laddove provavo a chiarire evidenti disagi ed incertezze interne; questo deve essere tuttavia rispettato da tutti con la stessa tranquillità e consapevolezza che ho io in questi giorni, anche perché la mia figura di componente del Consiglio Comunale – ci tengo ad evidenziarlo – non precluderà affatto la disponibilità alla collaborazione, ma soprattutto al perseguimento di quegli intenti politici condivisi anche dal sottoscritto all’inizio di questo cammino amministrativo. Questa tranquillità e questa forza la devo all’infinità di persone che in questi giorni mi sono state vicino, con attestati di stima e manifestazioni d’affetto e proprio nell’interesse della comunità e per onorare il più alto numero di preferenze ricevute alle ultime elezioni, proseguirò nel mio lavoro».

 

 

«Io non ho protocollato direttamente le mie dimissioni perché non lo ritenevo opportuno in quel momento, ma le ho consegnate al Sindaco che, è corretto ribadire, nel pieno diritto ed esercizio delle sue funzioni, si è precipitata a farle protocollare, senza aprire, nei giorni a seguire, nessun tipo di canale comunicativo, a differenza di quanto dichiara oggi con infondatezza, neanche dinanzi a mie personali aperture ed al ritiro delle stesse dimissioni. Il successivo ritiro delle mie dimissioni è stato un gesto di consapevolezza nei confronti delle numerose e particolari circostanze che mi hanno coinvolto in quelle ore; in virtù, pertanto, delle motivazioni di carattere personale delle mie dimissioni che nulla avevano a che fare con le scelte amministrative del Sindaco che sono sempre state condivise dal sottoscritto, fino al 18 Febbraio, ed in virtù della successiva comunicazione del Sindaco che mi addossava responsabilità di carattere politico/amministrativo, anziché comprendere che le origini delle motivazioni erano ben altre, ho ritenuto che le stesse cause dovevano essere responsabilmente subordinate alle opportune, necessarie quanto imminenti procedure amministrative da attuare dalla maggioranza comunale della quale facevo parte e appropriate per farmi ritirare, pertanto, le dimissioni».

 

«Purtroppo, l’amministrazione comunale prosegue nell’intento, attraverso i media, di screditare il sottoscritto e cercare di gettare fumo negli occhi di fronte alle proprie evidenti responsabilità di incertezza amministrativa. Se dopo aver ostentato tanta serenità, si continua a trattare l’argomento è evidente un disagio interno che non si riesce a controllare. Questa vicenda sono sicuro che darà, per forza di cose, una nuova scossa al Sindaco ed ai suoi collaboratori che spero riprendano, molto presto, quanto ho iniziato e portato avanti io in questi due anni sempre nel rispetto e nelle competenze dei ruoli che i cittadini mi avevano delegato. Io continuerò a lavorare per dare il mio contribuito a questo paese come ho sempre fatto, e resterò a disposizione, come faccio da 27 anni, per la mia comunità all’interno del Consiglio Comunale. In ogni caso mi riservo di intraprendere azioni o prendere posizioni, nei confronti di quanto è stato detto e scritto nei miei confronti, nei modi e nelle sedi opportune laddove se ne ravvisi la necessità».

 

 

Fonte: Fabio Mammarella

 

Foto di: marsicalive.it