VIDEO. Abruzzo Open Day Summer: «Immagine di un territorio che vuole reagire» Con oltre 13 mila presenze un bilancio più che positivo per DMC Gran Sasso Laga. Tema portante dell'evento estivo 2017 è stato la vacanza attiva, un insieme di proposte che hanno saputo attirare nella nostra Regione turisti sia nazionali che internazionali.

17_06_17_OPEN_DAY_SUMMER thumbnail
È di qualche giorno fa la conferenza stampa, indetta dalla regione Abruzzo a Pescara, per presentare i dati di ‘Abruzzo Open Day Summer’ svoltasi dal 27 maggio al 4 giugno scorsi. Un’occasione, questa, anche per la DMC Gran Sasso Laga per tirare le somme sull’evento.

Un progetto quello dell’Abruzzo Open Day 2017 che ha saputo catturare l’interesse di oltre 13 mila visitatori con numerose iniziative esperenziali e percorsi culturali, naturalistici, artistici, ludici e sportivi coinvolgendo un’intera Regione con quarantatré organizzazioni del territorio e ottenendo il patrocinio del Coni nazionale per il Gran Sasso Outdoor Grand Prix.

Due i macro progetti con l’obiettivo di animare tre diverse aree del nostro territorio: Borghi di Santi, Fanti e Bevitori nel comprensorio dei Monti Gemelli, nei comuni di Campli e Civitella, che hanno dato risalto ai due borghi e all’enogastronomia di zona.

Gran Sasso Outdoor Gran Prix, ovvero l’Alta Valle del Vomano e la Valle Siciliana, con lo scopo di far conoscere il Gran Sasso per la pratica di attività ‘Outdoor’ e ‘Ball e Sone Festival del Saltarello’ a Teramo, per la rivalutazione di musiche e balli tradizionali, in particolare del Saltarello vero protagonista di questa edizione di Abruzzo Open Day.

«Considerato il ritratto del territorio veicolato nei mesi passati a seguito delle calamità che lo hanno colpito – ha affermato il responsabile organizzativo Gianni Berardino – il più grande risultato ottenuto sta nell’aver comunicato un’immagine di un territorio che vuole reagire, con un’offerta turistica fortemente identitaria».