A24/A25: tavolo operativo a Carsoli tra sindaci, Strada Dei Parchi e Marsilio Nella giornata di ieri, nel comune di Carsoli, é stato aperto un tavolo operativo riguardante la situazione del caro pedaggi e della sicurezza delle autostrade A24 e A25. Sindaci di Abruzzo e Lazio hanno incontrato il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio e Mauro Fabris, vice presidente del Cda di Strada dei Parchi, assieme al suo staff. Pesa l'assenza del ministro dei trasporti Toninelli.

IMG_20190315_163649

Un primo spiraglio di luce sulla tormentata vicenda delle austroade A24/A25, forse, é arrivato nel pomeriggio di ieri. Il sindaco di Carsoli, Velia Nazzarro, sostenitrice di numerose proteste contro il rincaro autostradale, ha commentato l’incontro di ieri: «Finalmente una risposta concreta, era più di un anno che noi sindaci chiedevamo l’istituzione di un tavolo, per affrontare i temi del caro pedaggi e della sicurezza delle nostre strade. Avevamo chiesto la partecipazione del ministro Toninelli, non ci ha degnati di alcuna risposta».

Dopo molti scioperi e manifestazioni, é finalmente arrivato il tanto atteso incontro, che ancora una volta ha visto l’assenza del ministro ai trasporti Toninelli, sollecitato più e più volte. I sindaci di Abruzzo e Lazio si sono relazionati e confrontati con le varie autorità: il presidente Marsilio si é detto vicino alle problematiche autostradali e Strada dei Parchi, con il vice presidente del Cda Fabris, ha dato delucidazioni in merito alla condizione attuale di sicurezza delle strade.

«In materia di sicurezza, Strada dei Parchi ha ribadito che é tutto sotto controllo e che stanno comunque effettuando lavori di manutenzione», ha continuato così il sindaco Nazzarro. «Finalmente siamo arrivati anche a reperire un decreto ministeriale del 31 dicembre 2018, che non si trovava in alcun sito ufficiale».

La rilevanza di questo documento sta proprio nel fatto che il ministero riconosce la sospensione dell’aumento fino al 30 giugno, in attesa del PEF, ma nello stesso tempo afferma che i minori introiti conseguiti dal concessionario, proprio a seguito del non aumento, verranno recuperati. Significa quindi che ci sarà comunque una spesa pubblica verso il concessionario che si trova privato dei ricavi derivanti dai rincari.

«Noi sindaci non ci fermeremo e continueremo la nostra battaglia: chiederemo nuovamente un incontro al ministro Toninelli per discutere della ridefinizione del PEF, per quanto riguarda i finanziamenti e i criteri di tariffazione autostradali. Ci batteremo affinché non avvengano i rincari ma anche perché siano ridotte le tariffe attuali, sicuramente molto elevate», ha consluso il sindaco di Carsoli.