Carenza di personale al San Salvatore dell’Aquila. Parla Giorgi: ‘situazioni gravi al pronto soccorso’ Mancanza di personale medico al San Salvatore dell'Aquila, problematica grave al pronto soccorso. Gianfranco Giorgi, coordinatore Cisl sanità, chiede l'avvio immediato delle procedure concorsuali e di stabilizzazione del personale della Asl.

ospedale-san-salvatore-laquila

‘Troppe carenze di personale nei reparti e nei servizi del San Salvatore e degli altri presidi sanitari della provincia dell’Aquila. Una delle situazioni più gravi si registra al pronto soccorso dell’ospedale aquilano, dove la mancanza di personale medico non è più accettabile e sta creando problemi di gestione del reparto e disguidi nelle prestazioni agli utenti’. Sono queste le parole di Gianfranco Giorgi, coordinatore Cisl sanità della provincia dell’Aquila che ha chiesto l’avvio immediato delle procedure concorsuali e di stabilizzazione del personale della Asl.

 

‘Di recente, la Regione ha approvato il piano che prevede l’assunzione di 207 dipendenti nella Asl aquilana, per l’anno 2018, nonché’ l’incremento di personale per il triennio 2019-2021’- afferma Giorgi-  ‘un risultato apprezzabile, seppure arrivato in netto ritardo rispetto alle reiterate richieste e sollecitazioni delle organizzazioni sindacali e della stessa Asl. Alla luce delle gravissime carenze, che si registrano in tutti i reparti degli ospedali e dei servizi territoriali, con particolare riferimento a quelli di emergenza, che più di tutti necessitano di una pronta risposta al cittadino e che contribuiscono ad allungare enormemente le liste di attese’, continua il coordinatore.

 

‘Sollecitiamo la Asl ad avviare immediatamente tutte le procedure, già autorizzate dalla Regione, utili alla stabilizzazione dei precari e all’indizione dei concorsi per la copertura delle posizioni vacanti in pianta organica. Non è possibile prorogare ulteriormente l’avvio dell’iter, vista la situazione di emergenza che, in alcuni casi, mette a rischio i servizi minimi di assistenza sanitaria’, conclude così Gianfranco Giorgi.

 

Fonte: ASIpress

Foto di: la-notizia.net