Il Mercato di Campagna Amica di Teramo protagonista nella notte dei Licei Torna oggi, dalle ore 18 alle 24, nel Melchiorre Delfico di Teramo la notte dei Licei. Nell’Istituto teramano si accenderanno i riflettori anche sui produttori del mercato di campagna Amica, recentemente inaugurato a Teramo, in Via Roma.

mercatoortofrutticolo-e1545307705160

Promozione del Made in Italy, con particolare riferimento alle tipicità teramane in occasione della notte dei Licei, che torna oggi dalle 18 alle 24 nel Melchiorre Delfico di Teramo in contemporanea con 433 licei di tutta Italia.

 

Nell’istituto teramano, si accenderanno i riflettori anche sui produttori del Mercato di Campagna Amica, recentemente inaugurato a Teramo in Via Roma, che saranno ospiti per una degustazione delle produzioni più importanti e tradizionali del territorio abruzzese. Dal pecorino ai salumi teramani con un occhio di riguardo alle farine antiche e alla pasta con cereali locali, passando per l’olio extravergine, vino e birra rigorosamente agricola.

 

 

I 23 produttori del mercato di Via Roma – coadiuvati dagli agrichef teramani di Campagna amica – racconteranno la storia delle tipicità con assaggi e degustazioni per far conoscere ai cittadini le bontà e le caratteristiche delle campagne locali. «Una occasione molto importante – spiega la presidente di Teramo Emanuela Ripani – che ci vede protagonisti per ribadire l’importanza della valorizzazione della filiera corta e del lavoro degli agricoltori».

 

 

Soddisfatta anche la preside del liceo Gabriella Liberatore, che ha fortemente voluto la presenza di Coldiretti e Campagna Amica. «È l’inizio di un percorso di educazione alimentare che avrà anche ulteriori sviluppi – dice la Liberatore –  una collaborazione importante rivolta sia agli studenti che a tutta la cittadinanza». Con l’occasione saranno anche allestiti dei banchetti per la raccolta firme ‘Eat original: unmask your food’ (stop al cibo anonimo).

 

 

Si tratta di una Iniziativa dei cittadini europei (ICE) promossa da Coldiretti a Bruxelles insieme ad altre nove associazioni con lo scopo di convincere l’Europa ad estendere l’obbligo di indicare in etichetta l’origine di tutti gli alimenti. «Nello specifico – sottolinea il direttore regionale di Coldiretti Giulio Federici – questa proposta d’iniziativa dei cittadini si prefigge di rendere obbligatoria l’indicazione del paese di origine per tutti gli alimenti trasformati e non trasformati in circolazione nell’UE».

 

 

 

Fonte: Ufficio Stampa Coldiretti Abruzzo

 

Foto di: abruzzolive