La Plus Ultra oggi ha perso con dignità contro L’Aquila: «Peccato non giocare a casa nostra» Gara del Girone A di Prima Categoria giocata fuori casa per entrambe le compagini avversarie. Testa a testa fra Città di L’Aquila capolista (che vince con due reti segnate, una delle quali su rigore) e Plus Ultra di Trasacco. A Pescina, controlli rigidi per 50 tifosi aquilani. «E’ stata, comunque, una bella sconfitta».

53671971_626046587845644_2867136355094233088_n

Fischio d’inizio del match puntato alle ore 15 di oggi, come da manuale. Stadio comunale di Pescina prescelto, come da manuale. Rendiconto finale, però, forse, un po’ meno da manuale. Questa, senza dubbio, era la supersfida per eccellenza, quella attesissima dalla popolazione calcistica di Trasacco, contro la prima della classe, L’Aquila. Sì, forse l’atmosfera era, in effetti, già un po’ tesa per via della questione stadio. Sì, forse tutti si aspettavano comunque la sconfitta, in casa della Plus Ultra, ma magari non così. Magari non con quel rigore dato al Primo Tempo e non con quel campo da calcio fuori le mura amiche. «Ma il bello di questo sport è anche questo: giocare contro una squadra di professionisti, – racconta il team manager trasaccano – e sentire lungo la spina dorsale il brivido salato dell’adrenalina. Sin da stamattina, ho percepito un ambiente diverso nello spogliatoio: una voglia sana di non fare brutta figura da parte dei nostri. Mi domando: cosa avrebbe significato giocare questa gara così altisonante in casa nostra, da noi, a Trasacco? Un vero peccato sfidare L’Aquila fuori casa, ma non solo per i giocatori. È stato un peccato per tutta la popolazione di Trasacco che mette sempre testa e cuore nelle sfide». Che si vinca o si perda, insomma, è la performance finale che conta e l’immagine che si dà di se stessi.

 

«Il risultato di oggi di 0-2 per loro, alla fine, lo giudico giusto, la partita, però, è stata sicuramente condizionata dal rigore avvenuto al Primo Tempo. Il secondo gol, invece, da fuori area, segnato dallo stesso giocatore della prima rete, il numero 10, Giuseppe Catalli, era da applauso, quindi tanto di cappello. Due episodi che hanno sancito il verdetto finale della partita. Anche se, secondo me, la squadra aquilana, proprio per la sua valenza, non ha bisogno di queste occasioni ‘arbitrali’ per vincere una gara, soprattutto in queste Categorie. Noi siamo partiti bene, concentrati e compatti; è vero: il mister ha richiesto ai ragazzi un grande sacrificio per oggi». Queste sono state, a margine della gara, le parole del team manager, Cristian Di Salvatore, della squadra di Trasacco, che ha tracciato le linee di quella che potrebbe anche, alla fine dei giochi, essere definita una ‘bella sconfitta’, visto l’avversario. «Loro erano in difficoltà nel creare occasioni. Il rigore, che a mio avviso non c’era, ha sbloccato però lo stantio 0-0 iniziale. Nonostante ciò, nel Primo Tempo, noi abbiamo anche maturato qualche occasione da gol, come una punizione che è finita appena un centimetro fuori dalla rete avversaria. A metà del Secondo Tempo, è arrivato il raddoppio da fuoriclasse che ha congelato il risultato. – dice ancora Cristian – Sapevamo che i tre punti li avrebbero guadagnati comunque, ma posso benissimo ammettere che Trasacco si è dimostrata essere una realtà che sa tenere testa in qualsiasi situazione: lo abbiamo fatto vedere oggi, contro L’Aquila, ma anche due domeniche fa, a Pizzoli». Una squadra, quindi, che non ha perso mai la grinta, anche in questa 25esima Giornata di Campionato, che ha tratteggiato una squadra Plus Ultra molto rimaneggiata: l’intera panchina, di fatti, più due giocatori in campo erano della Juniores; inoltre l’infortunio di Loreto Ippoliti – si teme uno strappo – e varie assenze pesanti sul rettangolo della battaglia, hanno caricaturato la gara odierna. «Abbiamo comunque ricevuto i complimenti da parte del Mister della squadra avversaria, perché non abbiamo sofferto tanto. L’Aquila è di un altro passo a livello fisico, al di là della tecnica, che pure c’è: si nota che i giocatori si allenano spesso; i nostri ragazzi, invece, domattina torneranno a lavorare; i loro faranno scarico, la differenza, tra noi e loro, si incontra e si incrocia tutta qua». Una partita, quella della Plus Ultra, giocata anche oggi in trasferta, a Pescina, per problemi connessi alla chiusura del campo casalingo. Una visione non facile, questa, da digerire, soprattutto perché questo ‘neo’, la squadra di Trasacco se lo porterà dietro per tutta la coda restante del Campionato. «Ci siamo allenati per venti giorni su un campo di erba sintetica duro; passare, oggi, ad un campo in erba naturale, a livello di pesantezza delle gambe, non è stato un dettaglio trascurabile. Eppure i tifosi eccoli là, sempre pronti a sostenerci, nonostante tutto. A loro, ai nostri ultras, va tutto il nostro riconoscimento come squadra e come società», afferma Di Salvatore.

 

Ma c’è di più: sì, perché il controllo sicurezza alla fine, con le forze dell’ordine a guardia delle tribune, è stato attivato per una 50ina di tifosi aquilani, per lo più famiglie. «Gli ultras dell’Aquila – spiega Cristian – erano 13 o 14 al massimo. Tutto ciò lo giudico molto amplificato; secondo me, è troppo. Oggi noi giocavamo contro dei professionisti: quindi, personalmente, mi sembra un’esagerazione schierare in campo questa rigidezza;  sono due volte che incontriamo L’Aquila e, nonostante l’importanza della gara o il clima teso, per tutte e due le volte che c’è stato sempre un massimo rispetto da ambo le parti. Non dimentichiamoci, in fondo, che il calcio è una gioia. Potevamo giocare anche con i colori dei tifosi mescolati sulle tribune, non sarebbe comunque accaduto nulla».

Notizia a cura dell’addetta stampa Mersia Angelini

Foto scattata su posto